Savona – i lingotti di panissa

Savona – i lingotti di panissa

 

Era una notte buia e tempestosa,
solo che non era notte e in realtà di lampi non ne abbiamo visti.
Però, per essere maggio, a Savona quel sabato pomeriggio, faceva abbastanza freddo!


Eravamo partiti tutti insieme (con lo staff di liguriainside) per vedere la nave Costa che partiva.
Durante il viaggio si cantava maaaaare profumo di maaaaaaaaareeeeeee (la sigla di Love Boat), tanto che io, verso Finale Ligure, mi ero perfettamente calata nel personaggio e già mi vedevo lanciare stelle filanti e urlare saluti ai fortunati vacanzieri.
Ma come direbbe Lucarelli: “E invece NO!”
Eggià, perché il tempo era proprio triiiiiste, oltre ogni tentazione artistica.
Così dopo aver parcheggiato dalla fortezza del Priamar, ci siamo incamminati mogi mogi verso la città, direzione centro storico di Savona. Ma all’improvviso, un’idea me-ra-vi-gliosaaaaaaaaaa (mia naturalmente).
“Ragazzi, perché non andiamo a strafogarci di panissa?!?!?”
Detto fatto,  dopo cinque minuti eravamo nel mitico negozio di via dei Crema (una traversa di via Pia) che da duecento circa anni sforna fritti panissa e fugassette.

Dopo tanto grigio, un mondo giallo non poteva che rallegrarci il cuore. Se poi, oltre ai colori ci scappava anche una bella magnata, beh, che dire se non: yahooooo!


Una volta entrati scambiamo subito due parole con la proprietaria, non fosse che per tranquillizzarla, vista la sua faccia un po’ perplessa dopo la nostra pacifica invasione di treppiedi e macchine fotografiche.
“Negozio di famiglia, da generazioni!”.
Ci conferma la signora (senza smettere un attimo di affettare panissa) con un misto di orgoglio e abitudine a questo tipo di domande.

Intanto ci impratichiamo con i termini.
Allora, la lista è il pezzo intero che alla vista pare un lingotto d’oro, e si compra per casa.
Ma quello che va per la maggiore sono le fette, ovvero la lista tagliuzzata e fritta, da spiluccarsi così, tipo patatine, oppure come farcitura della classica fugassetta, una specie di focaccina bianca, che viene imbottita oltre ogni limite umano, tanto che per mangiarla è fisso che ti riempirai la bocca producendo il simpatico effetto chiamato guance da criceto!

Mentre aspettiamo fuori che si friggano le “nostre” fette, come al solito fotografiamo ogni cosa, tanto che la gente si ferma per chiederci di dove siamo.
“Di Diano Marina, ma da noi non la fanno la panissa così…”.
E siccome l’entusiasmo è contagioso, tutti, ma proprio tutti, si lanciano nell’esaltazione di Savona e del suo piatto tipico.
E inevitabilmente si torna anche indietro con la memoria… “da piccola…. con mia mamma… quando uscivamo da scuola… ti ricordi…?”.
Potere evocativo della cucina tradizionale, siamo commossi!


Salutiamo la signora e il gruppo di persone che si sono fermate a parlare con noi.
La macchina fotografica è finalmente ferma nella borsa, e io mi godo in pace la fugassetta.
E pensare che la panissa è semplicemente un impasto di  farina di ceci, con acqua e sale, eppure, uscendo puzzolente di fritto come non mai, da questo negozietto che sembra la vecchia cucina di mia nonna, a me pare di mangiare la cosa più buona del mondo e sono anche certa (ma non certissima) che non faccia nemmeno ingrassare.
Ma quali biscotti di Banderas (che poi ti fanno parlare con le galline). Qui si mangia la tradizione!
E a noi ci piace!!!!

Savona – i lingotti di panissa 
Savona – Liguria 

Testi e fotografie: paola faravelli
Fantastico video di liguriainside

 

Se ti è piaciuto... condividilo (anche dopo i tuoi amici!)

3 Comments

  1. …sento ancora croccare le fette sotto ai denti, coccolate nella fugassetta……..!

    • mmmmmmmmh! Dovremo tornarci, anche perché abbiamo da scoprire il mistero di Cristoforo Colombo…!

  2. Ciao! Ho scritto un post sul mio sito per parlare della fantastica Fugassetta con le Fette. Dato che ho aggiunto due foto prese da questo sito, ho pensato di lasciare un link che ricollega a questa pagina, così da non incorrere a fraintendimenti. Se vi va di passare anche a darci un’occhiata, mi farebbe un gran piacere! Grazie ancora e a presto!
    Francesca

    Link:http://maccaronireflex.wordpress.com/2013/04/18/fugassetta-con-le-fette/

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + sette =